2 Dicembre 2016 , ore 8,30 Convegno

GRANDE GUERRA IN CIELO, IN TERRA, IN MARE

TRIESTE, Aula Magna del Liceo Dante

via Giustiniano, 3

TRIESTE

Friuli-Venezia Giulia

Incontro di presentazione del progetto promosso in occasione del Centenario del primo conflitto mondiale dall’Associazione culturale “RADICI&FUTURO” di Trieste, in partenariato con nove soggetti pubblici e privati e con contributo della Regione Friuli Venezia Giulia.

“Il progetto, il terzo da noi promosso per il Centenario – spiega il segretario generale di Radici&Futuro, Laura Capuzzo – impegnerà nel corso di quest’anno scolastico circa 350 studenti e docenti di scuole triestine e di alcuni Stati esteri, come Austria e Croazia, su eventi particolari relativi alla Grande Guerra sul fronte italo-austriaco e riferiti alle tre aree di interesse individuate: il cielo, la terra, il mare. La manifestazione di venerdì, che segna l’avvio ufficiale del progetto, intende fornire ai ragazzi informazioni di base e spunti di riflessione, che verranno poi sviluppati nei loro lavori”.

L’incontro, moderato dal giovane storico Francesco Zardini, si aprirà con la proiezione del video “Cent’anni dopo, giovani e Grande Guerra”, realizzato con il contributo di alcuni studenti partecipanti ai progetti di Radici&Futuro e la collaborazione dell’Ufficio scolastico regionale del Friuli Venezia Giulia.

Nella sessione dedicata al CIELO, il ricercatore storico Roberto Todero parlerà della difesa aerea di Trieste nella prima guerra mondiale, che ebbe tra i suoi protagonisti il barone Goffredo de Banfield, mentre Enrico Maiova, collezionista e studioso di vicende dannunziane, racconterà il volo di D’Annunzio su Vienna. Della Grande Guerra in TERRA si occuperà Fulvio Salimbeni dell’Università di Udine, con un intervento sulla vita di trincea e sulla tragedia delle popolazioni civili deportate nel 1915 ed in fuga nel ’17, dopo Caporetto. Toccherà infine a Stefano Pilotto del Mib-School of management di Trieste soffermarsi, nella sessione riguardante il MARE, sulla figura di Nazario Sauro e sull’episodio, poco noto, del salvataggio della popolazione serba ad opera della Marina italiana.

Durante l’incontro ampio spazio sarà anche riservato al fumetto d’autore. Il presidente dell’Accademia di fumetto di Trieste, Mario Cerne, illustrerà infatti tre importanti opere di questo genere, che sono state poste in lettura agli studenti nell’ambito del progetto: “Corto Maltese: Côtes de nuit e Rose di Piccardia” di Hugo Pratt, “La Grande Guerra. Storia di Nessuno” di Alessandro Di Virgilio e del friulano Davide Pascutti e “Duello sugli oceani” di Mino Milani e Dino Battaglia.

Collegata alla manifestazione ed al progetto è la mostra sul fumetto “Suggestioni triestine” che, allestita fino al 17 dicembre nella sede del Liceo Dante, propone una sorta di rivisitazione, con gli occhi di un giovane d’oggi, del corteo funebre di Francesco Ferdinando che attraversò le vie di Trieste il 2 luglio 1914, subito dopo Sarajevo.

Le scuole di Trieste che hanno aderito al progetto “GRANDE GUERRA IN CIELO, IN TERRA, IN MARE”, sono tre Licei – il classico linguistico “Francesco Petrarca” (partner), lo scientifico “Guglielmo Oberdan” (partner) e l’I.S.I.S. “Carducci-Dante” (partner) - e, per la prima volta, due scuole medie inferiori: la “Divisione Julia” e la “Guido Brunner”.

Per quanto riguarda gli istituti esteri, sono state coinvolte, com’è tradizione di Radici&Futuro, scuole italiane all’estero o estere con l’insegnamento dell’italiano. Si tratta di un Liceo austriaco, il BG/BRG Kirchengasse di Graz, e di due medie superiori italiane di Croazia, la “Leonardo da Vinci” di Buie d’Istria (partner) e la “Dante Alighieri” di Pola.

All’attività delle scuole si affianca quella di un Gruppo di lavoro, formato da 12 giovani, in maggioranza studenti universitari. Sono Matteo Alvino, Laura Bologna, Roberto Crosilla, Jessica Dagri, Silvia D’Arrigo, Beatrice Frittoli, Francesco Stradella, Francesco Zardini tutti di Trieste, Matteo Macchioro di Duino-Aurisina (Trieste), Mateo Blaškič di Umago (Croazia), Nancy Reis di Madeira (Portogallo), Eva Vuch di Doberdò del Lago (Gorizia).

Il progetto “GRANDE GUERRA IN CIELO, IN TERRA, IN MARE”, patrocinato dalla Prefettura di Trieste e di cui sono partner anche l’Unione Italiana, i Comitati di Trieste e Gorizia della Società “Dante Alighieri”, l’Accademia di fumetto di Trieste e il Club Unesco di Gorizia, fa seguito ad altri due progetti precedenti della stessa Associazione sulla Grande Guerra, svoltisi tra il 2013 e il 2015 ed ai quali avevano partecipato circa 500 studenti ed una quarantina di docenti di Trieste, Gorizia, Gemona, Monfalcone, Colonia, Buie, Graz, Budapest, Cracovia e Parigi.